Condividi questo articolo

Travel

Cosa fare a Tenerife: visitare Candelaria

Cosa fare a Tenerife: visitare Candelaria

Candelaria è un piccolo paese a sud di Santa Cruz di Tenerife, poco visitato dai turisti. E’ un paesino di pescatori molto pittoresco, da visitare se ci si vuole immergere nell’autentica cultura canaria, a cavallo tra cristianità e paganesimo.

Candelaria è un paese che si trova a 18 km a sud di Santa Cruz di Tenerife.

E’ un piccolo paese costiero la cui principale attrazione è la basilica di Nostra Signora della Candelaria, la santa patrona dell’arcipelago canario. La cittadina è considerata un’importante luogo di culto ed è meta di pellegrinaggio, soprattutto in occasione della festa della Candelaria, che si celebra il 15 agosto.

Qui si respira la tranquilla aria di un paese di pescatori, scandita da ritmi lenti e rilassanti. Pochi turistisi trovano in giro per le stradine del centro e i bar con i tavolini all’aperto sono gremiti di gente del posto che si gode la frizzante aria marina.

Storia cristiana e storia pagana si incontrano in questo simbolo canario della cristianità, infatti questa porzione di isola reca molte tracce del suo passato anteriore all’arrivo degli spagnoli nell’arcipelago.

Perchè visitare Candelaria

L’isola di Tenerife offre molti posti interessanti da visitare e in un viaggio di pochi giorni non si riesce ad apprezzarne tutte le bellezze. Si punta pertanto sulla visita delle località più rinomate e battute dai turisti, trascurando alcuni piccoli gioielli che meritano forse più di altri posti. Mi rendo conto che Candelaria sia poco conosciuta e poco visitata dai turisti, ma, per diverse ragioni, merita secondo me una visita.

Candelaria andrebbe visitata proprio perché si trova al di fuori dai tradizionali circuiti turistici. Spendere un pomeriggio in questo paesino significa immergersi pienamente nella tranquilla vita di un paese di pescatori. Camminando lungo il corso principale si respira l’autentica aria canaria.

E’ vero che non offre molto a livello di attrazioni, ma quando si arriva nella piazza che ospita la chiesa di Nostra Signora della Candelaria, si rimane senza fiato. Questa imponente chiesa si trova in un’ampia piazza che è una vera e propria terrazza sull’oceano.

A custodire e proteggere la piazza e la chiesa c’è una fila di statue bronzee rappresentanti nove re Guanches, che governavano l’arcipelago prima dell’arrivo degli spagnoli. Le attuali statue bronzee sostituiscono le antiche statue di pietra, che sono state spostate per salvaguardarne la conservazione.

Come arrivare a Candelaria

Altro motivo per visitare Candelaria è che si tratta di un posto facilmente raggiungibile. Si trova a pochi km da Santa Cruz, da dove partono frequenti autobus. L’autobus si prende alla stazione degli autobus, che si trova nella zona dell’auditorio e de El Corte Inglés. Il biglietto, che si acquista direttamente salendo sull’autobus, costa 2.35 a tratta. Alcuni degli autobus che vanno a Candelaria sono il 121, 122, 123, 124, 126 e 131, con corse molto frequenti.

Raggiungere Candelaria dal sud è altrettanto facile perché basta prendere qualsiasi autobus che unisce le località del sud con il capoluogo Santa Cruz. Ad esempio si può prendere l’autobus 111, che unisce l’aeroporto sud a Santa Cruz.

Ovviamente disponendo di un’auto a noleggio è ancora più facile visitare questa cittadina. Si può decidere di dedicare a questa escursione un tardo pomeriggio, in modo da riuscire a godersi anche lo splendido tramonto che tinge il cielo di tinte rosate. Arrivare qui da Santa Cruz in auto non prende più di venti minuti, seguendo l’autostrada che va verso il sud.

Chi ha preso un auto a noleggio per fare una vacanza itinerante trova Candelaria di strada nel percorso tra l’aeroporto sud e il capoluogo dell’isola, Santa Cruz. Una sosta durante il percorso è vivamente consigliata: non porterà via molto tempo e permetterà di godersi una delle più genuine e incantatrici esperienze di tutto il viaggio.

Condividi questo articolo

Fotografo per passione e scrivo per il web per professione. Immagini e parole le uso per comunicare al mondo il mio mondo. Credo in uno stile di vita minimalista ed itinerante, perché la felicità è nella semplificazione e nella scoperta.

3 Commenti

  1. Ciao Giorgia, complimenti per l’articolo che mi ha dato ottimi spunti per il mio prossimo viaggio. Vorrei partire insieme al mio ragazzo, verso Aprile, e volevo sapere da te se conviene scegliere una Casa Vacanze o un B&B, tenendo conto che noi arriveremo in aereo e poi noleggeremo un’auto che stiamo prenotando online su tinoleggio.it . Siamo appassionati di cibo e di arte e volevo chiedervi (scusa se ti tartasso di domande) 🙂 cosa proprio non deve mancare in una visita a Tenerife e dintorni. Grazie per il tuo tempo e il tuo spazio. Alessandra

    Rispondi
    • Ciao Alessandra, mi fa piacere di esserti stata utile. Per l’alloggio non credo ci siano grosse differenze. Devi scegliere in base alle tue esigenze e preferenze. Tenerife forse non è il posto ideale un viaggio culturale, ma dal punto di vista naturalistico è ricchissima. Senza dubbio non devi perdere l’escursione sul Teide, poi puoi visitare Puerto de la Cruz, la Orotava, San Cristobal de la Laguna e Santa Cruz. Eviterei invece il sud turistico.

      Rispondi
  2. Ciao Giorgia,

    grazie mille per tutto. Sicuramente, seguirò i tuoi consigli, specialmente quella di fare l’escursione sul Teide, perchè il mio ragazzo mi ha contaggiato con il trekking 🙂 Grazie ancora per tutto. Ti farò sapere come è andato il viaggio. Alessandra

    Rispondi

Lascia un commento

I campi richiesti sono indicati con *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

4 + 9 =


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.