Condividi questo articolo

Viaggi

Lanzarote: viaggio fotografico

Lanzarote: viaggio fotografico

Lanzarote è tra le Isole Canarie quella che maggiormente mi ha colpito. La natura vulcanica di queste isole è qui che è più evidente. I paesaggi sono mozzafiato e talmente diversificati tra nord e sud che sembra di non essere sulla stessa isola. Si passa dal paesaggio arido e tempestato di vulcani del sud, a quello verde e rigoglioso del nord.

L’isola è piccola e si può girare comodamente in un fine settimana. Le strade che attraversano l’isola non sono per niente trafficate, e si vedono in giro più biciclette che automobili. Ma nonostante le sue ridotte dimensioni, offre moltissimo da vedere e visitare.  E dopo essersi persi nella sua natura mozzafiato, si può trovare anche il tempo per rilassarsi nelle sue spiagge selvagge.

Assolutamente da non perdere è la visita al Parco Nazionale Timanfaya. Il parco, che ricopre gran parte della zona sud- ovest dell’isola, è un’enorme distesa di lava, interrotta da antichi crateri. Il paesaggio è brullo, quasi lunare. Uno spettacolo incredibilmente suggestivo. 

Dopo la visita al parco dei vulcani, ci si dirige verso sud, dove si possono ammirare tre attrazioni gratuite: la prima è il Charco de los Clicos, un lago che ha la caratteristica di avere acque verdi.

Il charco si trova nei pressi di una deliziosa spiaggia di pescatori, la spiaggia di Yaiza, con sabbia scura di origine vulcanica e rocce.

La seconda attrazione che si incontra lungo il cammino è Los Hervideros, una serie di tunnel e grotte scavate nella roccia dalla potenza del mare.

La terza attrazione è costituita dalle saline di Janubio, grandi vasche a ridosso del mare dove si raccoglie il sale marino.

Dirigendosi verso l’estremo sud, dove si concentrano le località balneari, si incontra il faro di Pechiguera. In realtà i fari sono due, uno antico e uno moderno.

Osservando il mare è possibile vedere in lontananza Fuerteventura e la piccolissima Isla de los Lobos.

Dirigendosi verso nord si incontra la terra dei vini, La Geria. I vigneti qui non hanno assolutamente l’aspetto che noi conosciamo.

Nel centro dell’isola si trova anche il Monumento al Campesino, una grande casa museo dedicata al lavoro del contadino.

Ma visitiamo ora la capitale, Arrecife. Playa del Reducto è la spiaggia principale di questa piccola città. Si trova in pieno centro cittadino, nonostante il suo aspetto molto caraibico.

Il lungomare di Arrecife è una piacevole passeggiata. In mezzo al mare, collegato alla terraferma mediante un ponte, si trova il Castello di San Gabriel.

Il nord è una terra verde è rigogliosa. Il paesaggio cambia totalmente rispetto al sud. In lontananza domina il vulcano de la Corona.

L’intensa attività del vulcano ha portato alla nascita di due preziosi monumenti naturali. Il primo è la Cueva de los Verdes, un’immensa rete di grotte sotterranee scavate dal passaggio della lava.

Il secondo monumento è costituito da gli Jameos del Agua, altro tunnel lavico, il cui spazio è stato completamente plasmato dall’artista locale César Manrique.

Si sale in alto per ammirare questo prezioso panorama dal Mirador del Río. La striscia di terra, separata da Lanzarote dal canale, è l’isola La Graciosa.

Haría è un villaggio del nord. Come tutti i villaggi e le città dell’isola, è caratterizzato dalle caratteristiche case bianche di Lanzarote. Sull’intera isola non si troverà un solo edificio di un colore differente. La sua vista dall’alto, incastonato in una verdeggiante valle, è tra i migliori panorami dell’isola.

Teguise è una tranquilla località, anch’essa caratterizzata dalle immancabili casette bianche. Capitare qui in un giorno festivo significa ritrovarsi in un posto dove la tranquillità regna sovrana. Il paese è sovrastato dal Castillo de Santa Barbara, che ospita un museo dedicato alla pirateria.

L’ultima tappa sull’isola è la Caleta de Famara, una spiaggia selvaggia, dedicata agli sport acquatici,  che si trova a ridosso di un’alta e suggestiva parete rocciosa.

Condividi questo articolo

Fotografo per passione e scrivo per il web per professione. Immagini e parole le uso per comunicare al mondo il mio mondo. Credo in uno stile di vita minimalista ed itinerante, perché la felicità è nella semplificazione e nella scoperta.

Lascia un commento

I campi richiesti sono indicati con *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

9 + 8 =


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.