Condividi questo articolo

Cultura

Libri da leggere assolutamente: Battle Royale

Libri da leggere assolutamente: Battle Royale

Lo sapevi che prima di Hunger Games c’era Battle Royale? La trilogia distopica tanto celebre infatti prende spunto dal romanzo distopico dello scrittore giapponese Koushun Takami. Dicono che Hunger Games sia una copia di questo romanzo. Personalmente non la penso così. L’idea centrale è la stessa, ma poi i due romanzi si sviluppano su piani differenti. Ad ogni modo ho amato questo ispiratore della famosa saga. Dopo aver letto Hunger Games (ed essermene innamorata), ho voluto tornare indietro alle origini e leggere il romanzo che lo ha ispirato, e devo dire che quello che ho trovato non mi ha affatto delusa.

Le origini del gioco al massacro

Quarantadue ragazzi di una scuola media si trovano improvvisamente trasportati su un’isola deserta, equipaggiati con un semplice zaino in cui hanno a disposizione pochi viveri e un’arma. Dovranno uccidersi a vicenda e l’ultimo che resterà in vita sarà il vincitore di questo gioco mortale, organizzato dal governo per controllare i cittadini attraverso il terrore.

L’idea centrale di Hunger Games, quella di costringere dei giovani a partecipare ad un gioco al massacro, è stata copiata di sana pianta da Battle Royale. Alla fine ne escono fuori due prodotti elaborati diversamente, ed è senza dubbio un piacere leggerli entrambi, però risulta chiaro che la Collins non ha molta fantasia, infatti scrive una trilogia in cui i primi due romanzi sono incentrati sulla stessa idea centrale (quella del gioco al massacro, copiata da Battle Royale) e un terzo romanzo, che non risulta all’altezza degli altri due. Ho amato molto Hunger Games, ma devo dire che Battle Royale è un romanzo molto più complesso e articolato.

Questo romanzo distopico è lunghissimo e segue da vicino le vicende e la sorte di tutti i protagonisti. Infatti non ci sono personaggi secondari e principali, ma a tutti i 42 studenti viene dato spazio, raccontandone la storia e seguendone le vicende attuali. Tutti gli episodi sono perfettamente concatenati, a formare un puzzle perfetto in cui non manca nessuna tessera. Ed è bello seguire le vicende di tutti questi ragazzi, che non riesci mai ad identificare dal nome, trattandosi di nomi giapponesi, ma che ti rimangono impressi per la loro storia e per le loro caratteristiche.

L’approfondimento psicologico dei personaggi è molto profondo. Riesci a rivivere i sentimenti e le sensazioni dei vari protagonisti, siano essi buoni o cattivi. Non manca nemmeno una certa dose di suspence, un’incertezza riguardo ai personaggi che non si riesce bene a definire.

Battle royale contro Hunger games

Battle Royale è una storia incredibilmente cruenta e cruda come nemmeno i romanzi della saga degli Hunger Games riescono ad essere. Le descrizioni degli inevitabili massacri che vi hanno luogo sono molto splatter.

Ma la cosa più inquietante è la totale estraneità di questi ragazzi dalla situazione che si ritrovano a vivere. I protagonisti inaspettatamente si ritrovano catapultati in questo incubo. Non sono come i ragazzi che prendono parte agli Hunger Games, che sono nati in quella cultura e in un certo modo sono preparati agli Hunger Games. Siamo lontani anni luce dal mondo di Katniss, dove un governo oppressivo c’è e si sente, dove povertà e miseria sono il pane quotidiano e la lotta per la sopravvivenza caratterizza ogni giornata, dentro o fuori dall’arena. Questo rende il tutto ancora più drammatico e terrificante. Riesci ad immedesimarti in loro e pensi che potresti esserci tu su quell’isola, costretto ad uccidere i tuoi compagni di classe per sopravvivere.

E tu hai letto la trilogia di Hunger Games e Battle Royale? Quale ti è piaciuto di più? Scrivimelo in un commento.

Condividi questo articolo

Fotografo per passione e scrivo per il web per professione. Immagini e parole le uso per comunicare al mondo il mio mondo. Credo in uno stile di vita minimalista ed itinerante, perché la felicità è nella semplificazione e nella scoperta.

Lascia un commento

I campi richiesti sono indicati con *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

9 + 6 =


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.