Condividi questo articolo

Stili di vita / Viaggiare

Minimalismo estremo: in viaggio per un mese con uno zainetto

Minimalismo estremo: in viaggio per un mese con uno zainetto

Negli ultimi anni sono diventata sempre più minimalista in viaggio, ma mai abbastanza. Ogni volta infatti mi dico che avrei potuto anche fare di meglio. In effetti capita sempre di portare con me delle cose che alla fine risultano inutilizzate, ma ad ogni viaggio perfeziono un po’ di più il mio bagaglio e con il tempo sto facendo grossi progressi. Quest’estate per il mio viaggio nei Balcani che durerà almeno un mese ho però deciso di superare me stessa portando con me solamente un piccolo zaino da 20 litri. Impossibile? Staremo a vedere.

Una cosa che odio è dover viaggiare ogni volta con due zaini. Quello grande da 50 litri potrebbe bastare per tutto, ma non posso pensare di metterci dentro il computer e la fotocamera, oggetti che devono rimanere sempre con me anche quando in autobus l’autista mi fa mettere lo zaino nel comparto bagagli perché troppo grande per seguirmi sull’autobus. Inoltre un secondo zaino più piccolo mi serve anche per andare in giro per la città e per fare escursioni, perché sarebbe impensabile andarmene in giro con lo zaino da 50 litri.

Portare due zaini è però una cosa che ho sempre trovato scomodissima. Mi affatica e stanca moltissimo portarmeli in giro, soprattutto visto che solitamente macino chilometri a piedi quando sono in viaggio. Come evitarlo? Facendo una scelta estremamente minimalista, cioè rinunciare allo zaino da 50 litri per portare con me solo uno zaino da 20 litri. Ed è quello che mi accingo a fare durante questo viaggio, che durerà circa un mese.

Ho acquistato due biglietti aerei semplici, senza l’aggiunta del secondo bagaglio a mano più grande che ormai quasi tutte le compagnie fanno pagare a parte. Ho così la possibilità di portare con me solo un bagaglio 40 – 20 – 25 con Ryanair e uno 40 – 30 – 20 con Wizzair, che sono le due compagnie con cui volerò. Il resto del viaggio, non ancora pianificato, credo che si svolgerà interamente in autobus e avere un bagaglio così piccolo con me mi permetterà di tenerlo sotto il sedile, evitandomi l’ansia che venga prelevato involontariamente o volontariamente da qualcuno dall’area bagagli ad ogni sosta del mezzo.

Un bagaglio di queste dimensioni non sarebbe affatto un problema se dovesse contenere solo vestiti. Il problema però è che la priorità ce l’hanno alcuni strumenti ben più ingombranti, cioè il mio computer, che mi serve per lavorare, e l’attrezzatura fotografica. Vestiti, scarpe, articoli da bagno e altro dovranno essere limitati per fare spazio a questi apparecchi tecnologici che non posso fare a meno di portare con me.

Una cosa però bisogna chiarirla: riuscire in questa impresa mi sarà possibile solo perché siamo in estate. Con un clima primaverile o autunnale, e abiti di conseguenza più ingombranti, non sono sicura che riuscirei a viaggiare con un bagaglio tanto piccolo. In inverno invece sarebbe stato decisamente impossibile. L’estate mi aiuta per due motivi: perché gli abiti sono più sottili e creano meno ingombro nello zaino e perché posso lavarli frequentemente perché si asciugano entro poche ore.

Allora staremo a vedere come andrà il mio esperimento. Prossimamente aggiornamenti.

Condividi questo articolo

Fotografo per passione e scrivo per il web per professione. Immagini e parole le uso per comunicare al mondo il mio mondo. Credo in uno stile di vita minimalista ed itinerante, perché la felicità è nella semplificazione e nella scoperta.

Lascia un commento

I campi richiesti sono indicati con *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

2 + 4 =


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.