Condividi questo articolo

Viaggi

Cosa fare a Lanzarote: Mirador del Río 

Cosa fare a Lanzarote: Mirador del Río 

Tra le esperienze più belle che potrai vivere sull’isola di Lanzarote c’è quella del panorama meraviglioso che offre il Mirador del Río. Situato ad un’altezza di 474 metri, nella zona più a nord dell’isola, il Mirador del Río è una creazione dell’architetto canario César Manrique. Manrique nelle sue opere, che si possono ammirare ovunque a Lanzarote, ha cercato sempre di integrare l’arte con la natura. Il Mirador ne è un classico esempio perché unisce l’ingegno architettonico e scultoreo dell’artista ad una collocazione naturalistica eccezionale.

Il Mirador sorge tra il Risco de Famara e il vulcano Corona. Esso domina El Río, la stretta striscia di terra che separa l’isola di Lanzarote dall’isolotto de La Graciosa. La Graciosa è l’ottava isola abitata delle Canarie, poco conosciuta perché di dimensioni piuttosto ridotte (appena 29 km²), che forma, assieme alle disabitate isole di Montaña Clara, Roque del Este, Roque del Oeste e Alegranza, l’arcipelago Chinijo. Ai piedi del Mirador, alla base della scogliera che lo ospita, spiccano i colori rossastri delle Saline del Río, anche note come Guza, le più antiche dell’arcipelago canario.

Il Mirador si trova in prossimità dell’antica batteria militare risalente al XIX secolo, camuffato nella roccia con grande maestria. Se dall’esterno l’edificio è appena percepibile, all’interno sorprende il visitatore per la cura dei dettagli: l’imponenza delle grandi vetrate, gli occhi del Mirador, concepite dall’artista per incrementare la visione panoramica, e le monumentali sculture che pendono dal tetto, sfidando la legge di gravità.

La realizzazione del Mirador, che ebbe luogo con la collaborazione dell’architetto Eduardo Cáceres e dell’artista Jesús Soto, fu un capolavoro di pianificazione in quanto i mezzi a disposizione erano piuttosto limitati.

Ingresso

La visita al Mirador de Río è inclusa nel bono turistico. Se si compra un bono valido per tre o quattro attrazione, si può scegliere se visitare il Mirador o il giardino dei cactus, mentre nel bono per sei ingressi sono incluse entrambe le attrazioni. Il costo del biglietto singolo invece è di 4,75 € per gli adulti e 2,40 € per i minori (da 7 a 12 anni). I residenti canari pagano solo 3.80 € (residente canario minore 1.90 €).

Rimane aperto dalle 10 alle 17.45 tutti i mesi, tranne da inizio luglio a fine settembre, quando resta aperto fino alle 18.45.

La vista dell’arcipelago Chinijo dal Mirador è senza dubbio migliore, ma per chi volesse risparmiare, è possibile osservare e fotografare l’arcipelago anche rimanendo fuori dalla struttura.

Condividi questo articolo

Fotografo per passione e scrivo per il web per professione. Immagini e parole le uso per comunicare al mondo il mio mondo. Credo in uno stile di vita minimalista ed itinerante, perché la felicità è nella semplificazione e nella scoperta.

Lascia un commento

I campi richiesti sono indicati con *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

1 + 6 =


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.