Condividi questo articolo

Stare bene

Pasta di legumi Biorì acquistata all’MD

Pasta di legumi Biorì acquistata all’MD

Alcune cose non smetteranno mai di stupirmi. Abito in un paese dove trovare cibo all’avanguardia è un’impresa ardua. Spesso mi imbarco in vane spedizioni alla ricerca di golosità che so già non riuscirò a trovare. I supermercati della zona non offrono altro che i prodotti classici. Mai una sorpresa! Mai una gioia! Se ti butti sull’erboristeria o sul negozio biologico trovi un’offerta poco più variata. Eppure uno spiraglio di luce l’ho trovato. Si chiama MD. Non avrei mai immaginato che un discount potesse sorprendermi. Per lungo tempo non ci ho messo piede, convinta che sarebbe stato inutile. Poi ci sono entrata e da allora è diventato il mio supermercato preferito. Una marea di prodotti biologici e tante delizie che non trovavo altrove. E pure con ingredienti accettabili. E perfino a prezzi più convenienti.

Per non tirarla troppo per le lunghe, tra le varie cose simpatiche che ho trovato all’MD (sulle quali un giorno scriverò) c’è anche la pasta di legumi, un prodotto che avevo trovato precedentemente solo nei negozi biologici ad un prezzo molto più alto.

La pasta di legumi è un alimento che trovo fantastico, che permette di soddisfare il mio bisogno di pasta pur mangiando a tutti gli effetti un pasto proteico. Dato che di solito la sera mangio un panino, evito di mangiare la pasta a pranzo. La pasta di legumi però mi permette di non rinunciare né ad un piatto di pasta a pranzo, né al mio panino serale.

Quella che ho trovato all’MD è della marca Biori ed è disponibile nella versione con farina di piselli e con farina di lenticchie rosse. Purtroppo ho trovato solo la versione corta (fusilli e rigatoni). Non so se viene prodotta anche la pasta lunga tipo spaghetti, ma io non ne ho mai trovata né nei negozi bio né all’MD. Il sapore non è ovviamente quello della pasta realizzata con il frumento, ma la sostituisce egregiamente, dopotutto il sapore della pasta è dato dal condimento, non dalla pasta in sé. Il sapore è leggermente farinoso. Anche la consistenza è diversa perché è più molliccia, con disappunto degli amanti della pasta al dente. Io non la trovo affatto malvagia, ma io sono poco problematica e amo buttarmi sulle alternative ai classici prodotti. Mi rendo conto che però qualcuno potrebbe rimanere deluso dal confronto con la pasta classica.

Chi dovrebbe mangiare la pasta di legumi

Vegetariani e vegani in fase di transizione: uno degli errori principali che viene fatto quando si passa da un regime alimentare onnivoro ad un regime vegetariano o vegano è quello di buttarsi sui carboidrati. E’ facile cadere nella trappola e iniziare a mangiare troppo pane, pasta e farinacei e la conseguenza immediata è che si inizia a mettere su peso. Questa pasta realizzata con farina di legumi può in questa fase essere una preziosa alternativa al classico piatto di pasta. Permette di mangiare un piatto sostanzioso, ma allo stesso tempo saziante (le proteine saziano più dei carboidrati).

Atleti vegani: da vegetariana tendenzialmente vegana (mangio solo occasionalmente i formaggi) ero alla ricerca dell’alimentazione adatta per un atleta vegano. Qualche tempo fa infatti mi allenavo con i pesi e necessitavo di un surplus di proteine. Il mondo vegetale è pieno di cibi proteici (legumi, tofu, seitan), quindi non avevo problemi a riempire i due pasti principali. Ovviamente non avevo bandito del tutto i carboidrati, ma evitavo di mangiare la pasta (che pure amo) a favore di altri cereali (riso, miglio, grano saraceno, quinoa, farro, orzo). Quando però ho scoperto questa pasta di legumi mi si è aperto un mondo: potevo mangiare la pasta tutti i giorni. Sono italiana e mangiare la pasta è un’abitudine troppo radicata: l’alternativa proteica è stata la mia salvezza.

Chi segue una dieta proteica: oggi impazzano le diete proteiche. L’efficacia della dieta proteica è indubbia, anche se è sconsigliato seguire per troppo tempo un regime alimentare che riduca o elimini alcuni macro nutrienti. Se pensi di seguire una dieta proteica per alcune settimane questo prodotto ti permette di non rinunciare ad un bel piatto di pasta. Mica male. Attenzione però alle calorie. La pasta proteica non è meno calorica di quella a base di frumento, quindi non esagerare con le porzioni. Il vantaggio rispetto alla pasta classica è quello di avere però un effetto saziante maggiore.

Celiaci: la pasta realizzata con farine di legumi è priva di glutine ed è un prodotto che può essere consumato da chi è intollerante ad esso. E’ un’alternativa golosa alla classica pasta realizzata con farina di mais.

Condividi questo articolo

Fotografo per passione e scrivo per il web per professione. Immagini e parole le uso per comunicare al mondo il mio mondo. Credo in uno stile di vita minimalista ed itinerante, perché la felicità è nella semplificazione e nella scoperta.

Lascia un commento

I campi richiesti sono indicati con *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

8 + 8 =


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.